CRESTANA S.r.l.s.

Prove di Densità in Situ

Scopo e campo di applicazione della prova

Crestana Srls esegue prove di densità in situ per la determinazione del peso di volume di terreni naturali e rilevati artificiali. In quest’ultimo caso, la prova consente di verificare se la compattazione dei terreni eseguita in cantiere corrisponde a quella progettata in laboratorio e permette di verificare le condizioni di addensamento dei terreni naturali.

Esecuzione della prova

volumometro a sabbiaLa prova, realizzata mediante un volumometro a sabbia, prevede il riempimento di un foro di controllo con sabbia calibrata, la cui densità viene determinata utilizzando un cilindro di volume noto. Sistemata una piastra circolare in modo che aderisca bene sul terreno in esame, si scava il foro raccogliendo il materiale smosso. Tramite un boccione pieno di sabbia, precedentemente pesato, si riempie in foro scavato. Dalle successive pesate della sabbia residua e del materiale estratto (umido e secco), si ottengono sia il peso di volume del terreno in condizioni di umidità naturale che il peso di volume secco. Quest’ultimo valore, confrontato con la densità massima ottenuta in laboratorio con il metodo Proctor Modificato, consente di determinare la percentuale di compattazione ottenuta in cantiere.

Norme e strumentazione di prova

La prova viene eseguita secondo la norma di riferimento ASTM D 1556-90 (Standard Test Method for Density and Unit Weight of soil in Place by Sand-Cone Method).
Crestana Srls possiede e utilizza una strumentazione Matest composta da:

– n° 2 boccioni in plastica;
– dispositivo a doppio cono Mod. s231, da collegare al boccione e dotato di rubinetto;
– piastra di base in alluminio con sede ad incastro per alloggiamento del cono;
– strumenti vari per l’esecuzione del foro (scalpello, cucchiaio, picchetti, mazzuola, sessola);
– sacchetti in plastica a tenuta ermetica per contenere il terreno scavato;
– sabbia monogranulare;
– bilancia elettronica ItalianaMacchi Mod. SUP 15 S