CRESTANA S.r.l.s.

MASW Attiva

Tradizionalmente le MASW sono effettuate tramite analisi delle onde di Rayleigh (che vengono registrate tramite i comuni geofoni a componente verticale, quelli usati per la comune rifrazione in onde P e generate da una comunissima sorgente ad impatto verticale, la classica martellata (MASW attiva).

MASW è l’acronimo di Multi-channel Analysis of Surface Waves (Analisi Multi-canale delle Onde di Superficie)

Più specificatamente, con una prospezione MASW attiva si analizza la dispersione delle onde di superficie sfruttando il principio per il quale le varie componenti (frequenze) del segnale sismico, si propagano ad una velocità che dipende dalle caratteristiche fisico-meccaniche del sottosuolo attraversato.

La propagazione e dispersione delle onde di superficie, si verifica anche in caso di inversioni di velocità. Rispetto alla sismica a rifrazione, infatti, il metodo MASW non presenta problemi legati alla presenza di strati soffici compresi tra strati più rigidi.

In sintesi, poiché la dispersione delle onde di superficie dipende dalle caratteristiche del sottosuolo e dalle sue variazioni verticali, dalla determinazione delle curve di dispersione è possibile ricavare le caratteristiche del mezzo (i parametri fondamentali sono la velocità delle onde di taglio Vs e lo spessore degli strati).
Mediante una MASW attiva, qualora si raggiungesse una profondità di indagine di almeno 30 m dal p.c. o la profondità del bedrock sismico entro i 30 m, è possibile definire il parametro Vs,eq e quindi la categoria di sottosuolo, come richiesto dalla normativa vigente (NTC 2018 – D.M. 17/01/2018).

Crestana S.r.l.s. effettua MASW attive realizzate tramite analisi degli spettri di velocità di fase delle onde di Rayleigh (componente verticale ZVF e/o radiale RVF) o di Love (componente THF) oppure, congiuntamente Rayleigh + Love.

Al fine di individuare i modi di propagazione corretti all’interno degli spettri di velocità e correlabili alla reale successione stratigrafica, Crestana S.r.l.s. esegue analisi congiunte delle onde di Rayleigh con le onde Love e, ove possibile, congiuntamente alla modellazione diretta della curva HVSR.

Nell’analisi congiunta l’interpretazione degli spettri consiste nel confrontare le distribuzioni di energia tra i vari modi che, tra le componenti Love e Rayleigh, può risultare a tratti molto differente. Spesso infatti le componenti verticali delle onde di Rayleigh (di utilizzo comune) mostrano solo il primo modo superiore senza mostrare traccia alcuna del modo fondamentale. Di fatto, nei casi in cui si ha a disposizione solamente la componente verticale delle onde di Rayleigh, si rischierebbe di sovrastimare i valori di Vs attribuendo al modo fondamentale, quello che in realtà è il primo modo superiore.

L’analisi congiunta con le onde di Love, acquisite da Crestana S.r.l.s. mediante specifica strumentazione costituita da geofoni a componente orizzontale, risulta quindi indispensabile al riconoscimento del reale andamento dei modi, conducendo all’elaborazione di un modello maggiormente vincolato e preciso.